• Dec 13, 2016|
  • Blog |
  • SempliceSublime

La nostra storia

Le Marche, terra di confine tra il mare e gli Appennini, la regione che ci ha fatto conoscere negli anni settanta. Eravamo due ragazzini quando sulle spiagge di Pesaro ci siamo scambiati le prime parole sotto l’ombrellone, io semplice pesarese di origine controllata, Alessandro, sublime con l’accento del Nord. ;)

Da subito abbiamo messo in atto delle vere scorribande: Alessandro il turista in vacanza con i suoi, alla scoperta del nostro litorale, ed io sempre in giro con la bici per le vie del centro, girovaghi alla ricerca di non so ché. 

Da giugno a settembre, nei campi arsi dal sole, sul pedalò in mezzo al mare o la notte sotto le stelle, eravamo sempre pronti a esplorare con l’euforia fisiologica degli adolescenti.

A tavola, in famiglia, mia madre preparava manicaretti degni della tradizione. Quel che ci ha subito unito è stata la voglia di cose genuine. La merenda con la fetta di pane con burro e marmellata della nonna, la fetta di prosciutto crudo del contadino, la passata di pomodori da imbottigliare, il sugo alle vongole dei marinai, le olive sotto sale, la raccolta delle more a fine agosto, quando la stagione del divertimento finiva, Alessandro tornava al Nord, in quel di Como ed io ricominciavo la mia vita in provincia sui banchi di scuola. 

Si sa, le cose che si condividono da bambini restano nel cuore per sempre: hanno il sapore delle cose autentiche.

Semplice Sublime è il nostro “amico”, quell’anello mancante che fa di una coppia un trio. La ricerca del buono e del fatto con amore, vicino a casa. Il gusto dei piatti e dei sapori di una volta che si mescolano ad emozioni vissute e a piccoli momenti del quotidiano.

Oggi siamo cresciuti e il tempo non ci ha allontanati, bensì, resi grandi amici: il nostro modo di essere è diventato un progetto online. L’esperienza di quei due adolescenti curiosi che oggi hanno cinquanta anni, è motivo di scambio e conoscenza dei sapori antichi dell'artigianalità, di cibi naturali fatti da mani operose in un’era digitale dove le frontiere e i confini non esistono più e dove le marche possono essere sempre genuine.